stARTT via della Marrana 94 00181 Roma
T/F: +39 06 786300
M: info@startt.it

LO SPAZIO DELLE POSSIBILITÁ: LE ARCHITETTURE DELL’ATER

anno
2009
programma
RICERCA SULLA PRODUZIONE ARCHITETTONICA DELL’ATER DI LATINA 1946-2009
committente
ATER LATINA
autori
stARTT, VIOLA MORDENTI, DARIO SCARAVELLI
collaboratori
CLAUDIO MALASPINA
pubblicazione
in: Aa. Vv. Ater 1939-2009, Ed. Ater di Latina, Latina, Ottobre 2009.
Lo studio effettuato è un contributo all’apertura di ragionamento sulle possibili nuove operatività dell’Ater a partire dalla crisi economica in atto e dal rinnovato disagio abitativo, così come si è delineato negli ultimi anni. La ricostruzione delle esperienze migliori portate a termine sul territorio pontino nella realizzazione di edilizia pubblica può essere funzionale all’assemblaggio di una nuova cassetta degli attrezzi utile per aggredire, dentro le nuove definizioni normative, le sfide del presente. La ricerca, condotta in campo architettonico, ha messo in luce contributi significativi per la storia del territorio della provincia di Latina, di come questo abbia assorbito e riproposto, sotto la veste di una invenzione propria, le tendenze ed il dibattito culturale relativo all’architettura moderna in Italia, lungo tutto l’arco temporale del ‘900 italiano. All’interno di questo ambito di riflessione è possibile tracciare percorsi inediti che hanno contribuito alla costruzione reale del territorio oltre la rappresentazione del suo mito fondativo: le esperienze della immediata ricostruzione bellica ed il tema del neorealismo in architettura, la stagione Ina-Casa; le realizzazioni dell’autodidatta Brustolin, progettista dell’Ente; le proposte di intervento e recupero degli immobili nei centri storici dai primi anni settanta in poi costituiscono parte di un patrimonio stratificato e ricco ancora in parte da indagare. Poggiato sul mito originario della Bonifica e delle città di fondazione, esiste un territorio costruito, percepibile dai diversi paesaggi che lo compongono, segnato dalle vicende del secolo appena trascorso e del quale le realizzazioni di edilizia economica e popolare rappresentano, in campo architettonico, una parte consistente.